PRODOTTI TIPICI

Back

Raviggiolo - prodotti tipici

Raviggiolo

Description

Il Raviggiolo - riconosciuto Slow Food e Prodotto tipico dell'Appennino Tosco-Romagnolo - accarezza il tuo palato: un formaggio fresco sublime ma semplice a base di latte crudo, leggermente acidulo ma leggero, bianco e morbido. Dovrebbe essere consumato fresco.
Questo formaggio viene prodotto tra ottobre e marzo nelle case e nelle piccole aziende agricole, pertanto la produzione è limitata. Viene prodotto aggiungendo caglio al latte caldo, di mucca o di pecora (alcuni produttori aggiungono piccole quantità di latte di capra per rafforzare il sapore). Dopo circa un'ora, la cagliata viene posizionata su tappetini di plastica o di vimini o su foglie di felce senza romperla e il siero di latte viene lasciato defluire durante la notte. Al mattino è leggermente salato e il giorno successivo è pronto, con il suo tipico sapore fragrante e burroso. Dura solo pochi giorni in frigorifero e deve essere acquistato direttamente dalla zona in cui viene prodotto, ovvero un'area limitata all'Appennino Tosco-Romagnolo, tra le valli di Savio e Tramazzo in Romagna e le valli del Sieve e del Tevere in Toscana.
Per apprezzarne appieno la qualità, dovresti mangiare questo formaggio fresco, magari come spuntino tra i pasti. Togliere dal frigo un paio d'ore prima di servire. È ideale con polenta fritta. Dovrebbe essere combinato con un vino bianco leggero e leggermente frizzante.
Pellegrino Artusi, nel suo celebre volume "La Scienza in cucina e l'Arte del mangiar bene" (La scienza della cucina e l'arte della buona tavola) (1891) menziona il formaggio Raveggiolo come ingrediente per il ripieno dei tipici cappelletti romagnoli, mentre Manzoni, che amava questo formaggio, faceva mangiare Renzo al suo ritorno dalle sue disavventure a Milano.
Secondo documenti storici, si può risalire al 1500 quando alcuni raviggioli - anche allora considerati una prelibatezza - furono portati in dono a Papa Leone X. Dopo secoli di abbandono, Raviggiolo ora appare nei menu dei migliori chef e stellati ristoranti grazie agli allevatori e ai produttori che lavorano negli Appennini.


 
lun, 23 mar 2020 11:42:38 +0000