Come si accede alle cure termali

La Legge di Riforma Sanitaria stabilisce che tutti i cittadini hanno il diritto di sottoporsi annualmente ad un ciclo di cure termali della durata di 12 giorni, nella località e stabilimento che preferiscono, con oneri a carico del Servizio Sanitario Nazionale. Tutti, ad esclusione degli esenti, sono soggetti comunque al pagamento di un ticket sulle cure termali, per un importo di 50,00 Euro da pagarsi direttamente alle terme: questo diritto fisso di ammissione alle cure è comprensivo del controllo medico obbligatorio.

I 3 stabilimenti di Bagno di Romagna sono convenzionati con il Servizio Sanitario Nazionale e con altri Enti.
 Per fruire di tale ciclo di cure è sufficiente munirsi della richiesta del proprio medico curante, redatta su ricettario regionale, con la quale presentarsi allo stabilimento prescelto, senza passare dalla propria AUSL per l'impegnativa.
La prescrizione del medico deve indicare la diagnosi corrispondente ad una delle patologie che trovano beneficio dalle cure termali (identificate dal Decreto Ministeriale 15/12/1994), ed il corrispondente ciclo di cure da effettuare. E cioè:
* Osteoartrosi; Reumatismo extra articolare: ciclo di 12 fanghi + 12 bagni terapeutici;
* Osteoartrosi; Reumatismo extra articolare: ciclo di 12 bagni;
* Osteoartrosi; Reumatismo extra articolare: ciclo di 12 grotte;
* Sindrome rinosinusitica bronchiale; Rinopatia vasomotoria, faringolaringite cronica; sinusite cronica: ciclo di 24 cure inalatorie (due al giorno);
* Bronchite cronica semplice o accompagnata a componente ostruttiva (con esclusione dell'asma e dell'enfisema avanzato complicato da insufficienza respiratoria grave o da cuore polmonare cronico): ciclo di 24 cure inalatorie (due al giorno);
* Bronchite cronica semplice o accompagnata a componente ostruttiva (con esclusione dell'asma e dell'enfisema avanzato complicato da insufficienza respiratoria grave o da cuore polmonare cronico): ciclo di cura integrato della ventilazione polmonare controllata (24 applicazioni: due al giorno);
* Stenosi tubarica; Otite catarrale cronica: ciclo di cura per sordità rinogena (24 applicazioni: due al giorno);
* Sclerosi dolorosa del connettivo pelvico di natura cicatrizale e involutiva; Leucorrea persistente da vaginite cronica aspecifica o distrofica: ciclo di 12 irrigazioni vaginali;
* Sclerosi dolorosa del connettivo pelvico di natura cicatrizale e involutiva; Leucorrea persistente da vaginite cronica aspecifica o distrofica: ciclo di 12 irrigazioni vaginali con bagno;
* Postumi di flebopatie di tipo cronico: ciclo di cura della vasculopatia periferica (12 applicazioni);
* Dispepsia di origine gastroenterica o biliare; Sindrome dell'intestino irritabile nella varieta' con stipsi: ciclo di 12 cure idropiniche.

Le categorie protette di cui all'art. 57 della Legge 833/78 possono fruire nel corso dell'anno di un ulteriore ciclo di cure specifico. Gli assistiti della Regione Emilia-Romagna possono munirsi di impegnativa per fisioterapia (ultrasuoni ionoforesi idrokinesiterapia in piscina, esercizio assistito in acqua, rieducazione neuromotoria...) compilata dal proprio medico di famiglia, autorizzata dal fisiatra e timbrata dall'AUSL di appartenenza. Enti come INPS e INAIL gestiscono direttamente l'accesso alle cure termali.

In particolare:
* il paziente INPS con almeno due anni di anzianità contributiva, che ritiene di avere una patologia reumatropatica o respiratoria, puo' farne richiesta entro il 31 ottobre dell'anno precedente compilando un modulo, reperibile presso le organizzazioni sindacali; verrà poi richiamato nei mesi successivi per una visita medica presso la sede INPS di appartenenza per la relativa concessione.
* il paziente INAIL che ha una malattia professionale respiratoria da aerocontaminanti o una invalidità da infortunio sul lavoro, può richiedere le cure termali direttamente alla sede INAIL di appartenenza.
All'arrivo occorre presentarsi alla "Accettazione" dello Stabilimento prescelto, muniti della prescrizione del proprio medico di famiglia, indicante la diagnosi della patologia ed il corrispondente ciclo di cure da effettuare.

Agli Stabilimenti termali si accede liberamente anche se non si è alloggiati nell'albergo ad essi annesso.
Si è subito inviati all'Ambulatorio interno ad ogni Stabilimento, ove un medico della Direzione Sanitaria, esperto delle metodiche termali, effettua una accurata visita.
Referti, analisi, elettrocardiogrammi recenti radiografie già in possesso del paziente aiutano il compito del medico che - valutate le patologie, eventuali controindicazioni come pure la necessità di ulteriori accertamenti e visite specialistiche o la prescrizione di cure integrative accessorie - dispone il protocollo di cura più idoneo, stabilendone modalità e tempi di esecuzione.
Terminata la visita medica, si ritorna in "Accettazione" per provvedere al pagamento del ticket e delle eventuali cure complementari ed alla programmazione della cura per i successivi 12 giorni.
Si riceve un badge magnetico con cui quotidianamente si provvede al ritiro dei biglietti per le cure da effettuare nei reparti interni allo Stabilimento.
Le cure si possono iniziare in qualsiasi giorno della settimana e vengono effettuate sotto la costante vigilanza dello staff medico.
La dichiarazione di eseguita cura viene rilasciata dalla "Accettazione" al termine della terapia, dopo il controllo del badge magnetico.

Fri, 16 Jun 2017 10:01:24 +0000

Indicazioni terapeutiche delle acque termali di Bagno di Romagna

Le cure termali sfruttano le proprietà terapeutiche delle acque per curare varie patologie.
A Bagno di Romagna sgorgano vari tipi di acque:

- bicarbonato-alcalino-sulfuree, minerali, ipertermali (45°C) e termali (39°C);
- solfureo-bicarbonato-alcalina, oligominerale, fredda (14°C),
che per loro caratteristiche sono particolarmente indicate nelle:
Patologie dell'apparato locomotorio:
* osteoartrosi ed altre forme degenerative (osteoartrosi primaria e secondaria, degenerazioni del disco intervertebrale con o senza sciatalgia);
* reumatismi extrarticolari (fibrornialgia, periartriti, epicondiliti, tenosinoviti);
* reumatismi infiammatori quiescenti (artrite reumatoide, artrite psoriasica, spondiloartrite) ;
* osteoporosi.
Trattamenti consigliati: fango con bagno terapeutico; grotta; bagno; idromassaggio; idrochinesiterapia in piscina termale; massoterapia; terapie fisiche e riabilitative.

Patologie dell'orecchio:
* otite catarrale cronica;
* otite purulenta cronica;
* stenosi tubarica con o senza adenoidismo.
Trattamenti consigliati: docce nasali micronizzate; irrigazioni nasali; inalazioni a getto di vapore; aerosol ad acqua termale fluente; aerosol sonico; insufflazioni tubo-timpaniche; politzer crenoterapici.
Patologie del naso e della gola:
* rinopatia vasomotoria
* faringo-laringite cronica
* sinusite cronica
* sindromi rino-sinusitiche bronchiali croniche
Trattamenti consigliati: docce nasali micronizzate; irrigazioni nasali; inalazioni a getto di vapore; aerosol ad acqua termale fluente; aerosol sonico; nebulizzazioni.
Patologie dei bronchi:
* bronchiti croniche semplici;
* pneumoconiosi (malattie professionali da aereo-contaminanti).
Trattamenti consigliati: inalazioni; aerosol ad acqua termale fluente; aerosol ionici; nebulizzazioni; ventilazioni polmonari assistite a pressione positiva intermittente; ginnastica respiratoria.

Patologie dei vasi:
* arteriopatie obliteranti degli arti inferiori (stadio I e II)
* postumi di flebopatie di tipo cronico (varici essenziali sistemiche, sindromi post flebitiche, insufficienza venosa cronica, linfedema).
Trattamenti consigliati: idromassaggi; massaggi subacquei; idropercorsi vascolari; ginnastica vascolare; pressoterapia; linfodrenaggio manuale.
Patologie infiammatorie croniche dell'apparato ginecologico:
* sclerosi del connettivo pelvico;
* leucorrea da vaginite cronica.
Trattamenti consigliati: irrigazioni vaginali; irrigazioni vaginali con bagno terapeutico; fanghi addominali.

LE CURE TERMALI
L'acqua termale viene utilizzata nelle terapie inalatorie, nella maturazione del fango, nella balneoterapia, nelle grotte e nella cura idropinica.

Le cure inalatorie
InalazioniLa terapia inalatoria consiste nel mettere in contatto le sostanze contenute nelle acque termali con le vie respiratorie del paziente. Ciò avviene introducendo, con varie tecniche, nelle vie aeree superiori e nell'apparato respiratorio sia acqua termale polverizzata sia i gas in essa contenuti.
- INALAZIONE A GETTO DIRETTO: Il paziente inala un getto di vapore termale, emesso da apposito apparecchio alla temperatura di 38-40°: in tal modo le particelle di acqua, delle dimensione di circa 100 micron, raggiungono le prime vie respiratorie.
- AEROSOL AD ACQUA TERMALE FLUENTE: Il paziente inala, per via nasale mediante una forcella o per via boccale con apposita mascherina, minutissime goccioline di acqua termale, frazionata da aria compressa in un'ampolla di vetro: in tal modo le minuscole particelle (2-3 micron) ottenute raggiungono le parti più profonde dell'apparato respiratorio.
Nell'aerosol sonico, eseguito con una mascherina di gomma morbida ben premuta attorno al naso, le particelle aerosoliche vengono sottoposte a vibrazioni, mediante un flusso di onde sonore alla frequenza di 100 Hertz, per facilitarne la forza di penetrazione nei seni paranasali, nell'orecchio medio e nei recessi laringei.
L'aerosol ionizzato è  invece eseguito con un particolare apparecchio che, dando una carica elettrica negativa alle particelle aerosoliche, impedisce loro di agglomerarsi e quindi ne facilita l'arrivo fino alle parti più periferiche dell'apparato respiratorio.
- HUMAGE: eseguito in camera collettiva o singolarmente, consente la penetrazione di zolfo sotto forma di gas in tutta la superficie respiratoria.
- NEBULIZZAZIONE: eseguita in camera collettiva, consiste nell'inalazione di una fine nebbia densa di particelle attive di acqua termale, della dimensione di circa 50 micron.
- INSUFFLAZIONE: Sfruttando il principio dell'humage, con un apposito catetere introdotto dal medico attraverso la narice, si fa arrivare gas ricco di acido solfidrico all'orecchio medio.
- POLITZER: E' una variante della insufflazione, usata soprattutto per i bambini. Invece del catetere si usa una oliva di vetro da applicare in una narice in maniera da chiuderla ermeticamente assieme all'altra: il gas introdotto raggiunge facilmente l'orecchio medio grazie a ripetute deglutizioni.
-IRRlGAZIONE NASALE: I'acqua termale viene fatta arrivare direttamente alla mucosa nasale per avere un notevole effetto detergente e antinfiammatorio.
- DOCCIA NASALE MICRONIZZATA: variante della irrigazione nasale, che permette l'arrivo con una particolare ampolla, di particelle acquose di grosse dimensioni alla mucosa nasale.

La fangoterapia
fanghi termaliLa fangoterapia consiste nel mettere in contatto la parte del corpo malata con il fango, che è formato da un'intima commistione o mescolanza di argilla con acqua termale. Tale fango lo si ottiene collocando per almeno 12 mesi argilla vergine, naturale e finissima, in apposite vasche, dette "fangaie", dove viene periodicamente rimescolata con l'acqua termale che vi scorre di continuo per consentire la maturazione del fango. In questo lungo periodo l'argilla subisce modificazioni profonde arricchendosi dei sali minerali contenuti nell'acqua ipertermale in cui è stata macerata, e subendo un processo biologico di arricchimento di sostanza organica per lo sviluppo di una particolare microflora (alghe, muffe, batteri e piccoli protozoi). Si ottiene cosi' il "fango maturo" che, riscaldato a bagnomaria a 51°C., è pronto per l'applicazione.
Solo il fango maturo è in grado di avere quell'efficacia analgesica ed antinfiammatoria perché, oltre ad avere una azione locale sulla muscolatura, ha una azione generale sulla capacità adattativa per la liberazione di cortisolo (cioè il cortisone prodotto dal nostro corpo), di ACTH (un ormone che provoca maggiore produzione di cortisolo) e Beta-endorfine (morfina prodotta dal nostro corpo che si forma in condizioni di stress). Questo fango caldo viene spalmato sulle parti del corpo interessate dalla malattia reumatica e la sua temperatura viene mantenuta costante con l'applicazione di lenzuola e coperte calde. Dopo questa fase di termoassorbimento, della durata di 20 minuti, si effettua un bagno in acqua termale per  rimuovere il fango e per migliorare l'effetto riabilitativo. Al bagno segue, in un camerino attiguo, la fase di "reazione" in cui avviene una termodispersione con una abbondante sudorazione.
La balneoterapia
piscina termaleE' la cura termale per eccellenza, e consiste nell'immersione, parziale o completa, del corpo in acqua termale per sfruttarne da un punto di vista terapeutico la temperatura, la pressione idrostatica e le componenti chimico-fisiche.
Le tecniche del bagno sono tante: bagno terapeutico, bagno con idromassaggio, bagno con ozono, bagno in piscina, massaggio subacqueo. I vari tipi di bagno, la durata, modalità e temperatura sono consigliati dal medico a seconda della malattia e delle condizioni del paziente. Nella pratica termale si usa il bagno in vasca individuale, mentre il bagno in piscina o in vasche speciali è usato per le tecniche riabilitative.
La piscina termale
Ognuno dei tre Stabilimenti ha una propria piscina termale dotata di getti di idromassaggio lungo le pareti.
In essa dunque il corpo non rimane immobile, come nel bagno termale, ma può compiere liberi esercizi, movimenti particolari (kinesiterapia), ginnastica individuale o collettiva, con l'assistenza del terapista della riabilitazione.

La grotta
grotta termaleE' la più tipica ed antica cura termale. L'acqua termale proviene direttamente dalla sorgente e scorrendo lungo le pareti della grotta satura l'ambiente di vapore (75%-100%). All'intensa sudorazione, nella grotta si associano gli effetti provocati dall'inalazione dei principi attivi contenuti nell'acqua (zolfo, bicarbonato, anidride carbonica, gas rari). La profusa sudorazione provoca una notevole eliminazione di acqua e scorie metaboliche, svolgendo così un'azione disintossicante e stimolante sul ricambio e sul sistema neuro vegetativo. Lo stress termico della grotta, oltre ad avere un'indubbia efficacia nelle malattie reumatiche per la liberazione di sostanze antinfiammatorie, determina una aumentata eliminazione di acido urico, una diminuzione della glicemia ed una correzione di quei parametri metabolici eventualmente alterati, come il colesterolo ed i trigliceridi. La grotta viene selettivamente usata nelle patologie reumatiche muscolari, come la sindrome fibromialgica, ed anche nelle situazioni di stress fisico e mentale.

La cura idropinica
E' una terapia che consiste nel bere una determinata quantità di acqua minerale e/o termale in condizioni di temperatura, dosi, orari e tempi prescritti dal medico specialista. Nel "Padiglione delle Fonti" di Bagno di Romagna si può assumere sia acqua bicarbonato-alcalino-solfurea che acqua solfureo-bicarbonata, impiegate per la cura e prevenzione di malattie dell'apparato gastro-enterico (reflusso gastro-esofageo, dispepsia associata a ritardato svuotamento gastrico).

Fri, 16 Jun 2017 10:03:44 +0000