OPERE ARTISTICHE

Nel Seicento l'affresco è stato sepolto nel rialzamento dell'hospitale continuamente allagato dalle piene del Savio e del vicino fosso. Oggi lo si può di nuovo ammirare all'interno del ristorante "Cenacolo Santa Lucia".

Weiterlesen

E' un pregevole affresco di arte toscana della seconda metà del secolo XV°, posto nella parrocchiale di Poggio alla Lastra, e raffigura la Madonna col Bambino ed i Santi Pietro e Paolo a cui la chiesa è intitolata.

Weiterlesen

L'opera, è attribuita a Francesco Rosselli (Firenze 1448 - 1513 circa), pittore fiorentino di secondo piano, che operò seguendo fedelmente l'insegnamento di Alessandro Allori.

Weiterlesen

Lungo la parete destra della Chiesa di S. Silvestro s'innalza una elegante e solenne cappella dedicata alla Madonna e datata 1515: una delle testimonianze più significative d'arredo lapideo d'impronta toscana nella alta valle del Savio.

Weiterlesen

In der fünften Kapelle rechts der Basilika in Bagno di Romagna ist ein polychromes Holzkreuz, vermutlich aus dem 15. Jh., ausgestellt.

Weiterlesen

L'imponente e suggestivo Crocifisso (cm 251 x 125 x 22) fu probabilmente modellato da Girolamo della Robbia (1488-1566), figlio di Andrea, tra il 1530 e il 1566.

Weiterlesen

Fu eseguita da un anonimo pittore fiorentino verso la fine del Cinquecento.

Weiterlesen

Das Relief (Maße 93 x 64 x 19 cm) des Brustbildes der Madonna mit dem Kinde stammt aus einer in der National Gallery in Washington aufbewahrten Terrakotta, sog. „Madonna Kress“ aus der Sammlung Kress (1450 ca.), und deren Urheberschaft ist umstritten – zwischen dem Meister Ghiberti und dem Jungen Donatello, damals noch Schüler in der Werkstatt des Meisters.

Weiterlesen

All'interno della Basilica di S. Maria Assunta, splende in lucentezza di foglia d'oro la tavola di schietto sapore fiorentino, attribuita al cosiddetto "Maestro di Sant'Ivo".

Weiterlesen

In un tabernacolo d'arenaria sulla parete della Basilica di S. Maria è collocata una statua in bronzo raffigurante la "Madonna col Bambino" (1996), opera dello scultore cesenate Ilario Fioravanti (1922 - 2012).

Weiterlesen

La pala è datata 1495 e firmata "IULIUS", forse individuato nel pittore fiorentino Giuliano Amidei (morto a Lucca nel 1496), allievo di Neri di Bicci e collaboratore di Piero della Francesca.

Weiterlesen

Sulla parete sinistra della chiesa parrocchiale di S. Silvestro a Fontechiusi è collocata una pala d'altare raffigurante la "Madonna col Bambino, San Nicola e San Giacomo", detta anche Madonna del Latte perchè il Bimbo allatta al seno della Madre.

Weiterlesen

Nel secondo altare di sinistra della Basilica di Bagno è esposto l'olio su tavola (cm 231 x 191) raffigurante "La Madonna col Bambino e i Santi Giovanni Evangelista e Giovanni Battista", di equilibrata misura e memore di ricordi primo cinquecenteschi e manieristici.

Weiterlesen

Nella terza cappella a sinistra della Basilica di Bagno di Romagna si venera l'immagine miracolosa della "Beata Vergine del Sangue" o "Madonna del Sangue".

Weiterlesen

L' affresco, attribuibile ad un anonimo artista romagnolo tardogotico operante intorno alla metà del Quattrocento, è custodito sull'altare del Santuario.

Weiterlesen

Le tre tele, provenienti dal soppresso monastero di S. Felicita di Firenze, furono trasferite a Bagno di Romagna nel 1874 dalle RR. Gallerie e Musei di Firenze. Tutte sono anteriori al 1629.

Weiterlesen

Im zweiten Altar rechts der Basilika in Bagno di Romagna wird das viele Figuren darstellende Öltafelbild der „Christi Geburt mit Heiligen und Engeln" aufbewahrt, das um das Jahr 1490 ca. von einem florentinischen Schüler von Domenico del Ghirlandaio, mit dem Namen „Meister des Tondos Borghese" bekannt, ausgeführt wurde.

Weiterlesen

Splendida statua in terracotta policroma, modellata verso il 1490 da Andrea di Marco della Robbia (1435-1525), probabilmente su commissione dei monaci camaldolesi di Bagno di Romagna.

Weiterlesen

La Beata Giovanna da Bagno, cara alla devozione popolare, visse durante l'alto Medioevo in un romitaggio femminile della zona secondo le regole dell'ordine camaldolese. Il suo corpo è conservato in una teca di vetro all'interno della Basilica, nella prima cappella a sinistra.

Weiterlesen

In der Mitte der Apsis der Basilika in Bagno di Romagna thront das Triptychon des Malers Neri di Bicci (1419-1492). Er war der letzte Vertreter einer in Florenz zwischen dem 14. und 15. Jh. sehr aktiven Künstlerwerkstatt.

Weiterlesen

Le 14 stazioni in bronzo della "Via Crucis", collocate lungo la mulattiera che da S. Piero in Bagno giunge a Corzano (1 km), sono state eseguite (1990) dall'artista sampierano, ma fiorentino di formazione, Carmelo Puzzolo, classe 1934.

Weiterlesen