VILLE, DIMORE, TEATRI STORICI

Completamente ristrutturato (2001) è oggi un "Centro Congressi" capace di ospitare spettacoli, concerti, proiezioni e convegni.

Weiterlesen

Il Palazzo Rivalta-Paganelli, sull'ariosa piazza di S. Piero in Bagno, è una delle opere che l'ingegner-architetto Cesare Spighi (1854-1929) - un tecnico tra i più importanti che operarono in Toscana tra Ottocento e Novecento.

Weiterlesen

Il palazzo, fatto costruire tra il 1780 ed il 1790 da Giovan Battista Pasquale Spighi, proprietario terriero di S. Piero in Bagno, è l'esempio più significativo e conservato di una dimora signorile di paese tra Sette e Ottocento nell'alta valle del Savio.

Weiterlesen

Palazzo Biozzi a Bagno di Romagna: particolare della facciata Il palazzo sorge su piazza Ricasoli, di fronte alla basilica di Santa Maria Assunta. Fin dal Cinquecento è stato la residenza della famiglia Biozzi, grande proprietaria di terre nei dintorni ed in Maremma.

Weiterlesen
La sede del Comune di Bagno di Romagna è posta a San Piero in Bagno, in Piazza Martiri 25 Aprile 1944. Quando la vecchia sede municipale, posta fin dal 1865 in via Garibaldi, fu irreparabilmente danneggiata dai terremoti del 1918 e 1919, si ritenne opportuno costruirne una nuova. L'area prescelta per la sede fu "l'orto comunale", sul retro del vecchio municipio, che faceva angolo tra il viale Battisti e la piazza Dante (attuale piazza Martiri), intorno alla quale da tempo si stavano realizzando opere pubbliche rilevanti, progettate dall'ingegner-architetto Cesare Spighi (1854-1929), come il Palazzo delle scuole elementari (1898) e la grandiosa chiesa parrocchiale ancora in cantiere. Per il progetto della nuova sede ci si rivolse all'ing. Mario Folchi Vici, responsabile dei due uffici che il Genio Civile aveva in zona per la ricostruzione post-terremoto. Nel delinearlo, l'ingegnere tenne presenti alcune priorità: utilizzare nel miglior modo il poco spazio a disposizione, "dare al Palazzo una architettura che avesse carattere locale ed abbellire la nuova piazza". Opta pertanto per una architettura "di stile fiorentino", come scrive: "Il piano terreno rialzato 60 cm è a pietra bugnata liscia, il piano superiore è a mattoni in vista inquadrati nel pietrame. Il tetto sporgente è sostenuto da mensoloni di legno fra i quali corre una decorazione ad affresco. L'insieme si presenta, a mio giudizio, quale è desiderabile, cioè decorativo e gaio, non pesante. Ogni piccolo particolare è stato curato". Egli dunque si rifece – inevitabilmente - alle tante opere (cimiteri di Bagno e San Piero, Palazzo Rivalta-Paganelli, la scuola elementare, la chiesa prevostale…) con cui Cesare Spighi aveva ridisegnato nell'arco di cinquant'anni la sua patria di adozione. Folchi Vici volle poi che il Palazzo avesse un carattere degno del suo impiego: "Perciò da un grande atrio d'onore - che si apre sulla piazza con tre arcate chiuse da cancellate, e nel quale possono entrare carrozze ed automobili - si passa poi allo scalone d'onore a tre rampe comodissime, illuminato da una grande trifora. Di fronte allo scalone d'onore, al piano superiore, si presenta la grande aula del consiglio. Per altro un ingresso secondario, con apposite scale, darà accesso al palazzo dalla via C. Battisti". Il progetto, consegnato il 22 settembre 1921, fu approvato dal Consiglio superiore dei Lavori Pubblici il 29 dicembre 1921, e dal Consiglio Comunale il 14 maggio 1922. Poi la laboriosa ricerca dei finanziamenti, l'affidamento dei lavori (21 dicembre 1926) alla ditta del dr. Giuseppe Raggi di Sarsina, ed infine l'inaugurazione del nuova sede nella primavera del 1929. Le decorazioni parietali con colorazione a secco furono eseguite da Ruggero Ruggeri, Ruggeri Francesco e Carmelo Puzzolo nell'inverno del 1948.

-->

Inaugurato nella primavera del 1929 si caratterizza anche per le belle decorazioni parietali con colorazione a secco. E' sede del Comune di Bagno.di Romagna, in Piazza Martiri 25 Aprile 1944.

Weiterlesen

Palazzo Giovannetti, classica abitazione padronale di campagna che nell'Ottocento ospitò il Granduca Leopoldo II, Aurelio Saffi ed Antonio Fratti, è oggi un albergo che coniuga passato e presente.

Weiterlesen

Bei diesem Palast, auf Deutsch etwa „Palast des Hauptmanns", handelt es sich um eine der bedeutendsten und geschichtsträchtigsten Bauten von Bagno di Romagna.

Weiterlesen