Continuando ad utilizzare questo sito l'utente acconsente all'utilizzo dei cookie sul browser come descritto nella nostra cookie policy, a meno che non siano stati disattivati. È possibile modificare le impostazioni dei cookie nelle impostazioni del browser, ma parti del sito potrebbero non funzionare correttamente. 

CASE COLONICHE, MULINI

Indietro

Mulino delle Cortine sul Bidente di Pietrapazza


Mulino delle Cortine sul Bidente di Pietrapazza

Il complesso è formato da due mulini posti trasversalmente al corso del Bidente di Pietrapazza da cui un lungo berignale, ora interrato, prendeva l'acqua convogliandola sui cucchiai di legno dei palmenti orizzontali. Tra i due mulini c'è l'abitazione con un forno accanto all'entrata protetto da una tettoia; dal piano terra si accede alle camere con una scala di pietra. Altre stanze e una cucina sono nel retro dell'edificio più grande.

Il Mulino delle Cortine, detto anticamente "dei Prati" quando era comunitativo, nel 1816 è condotto da Francesco Satanassi, mentre livellario ne è Giovan Filippo Fabbri di Andrea che nel 1800 - come testimonia la data sull'architrave di una finestrella - costruì il piccolo molino di ripresa, detto "guadagnola", a due palmenti, che sfruttava l'acqua "persa" dal mulino soprastante. Nel 1829 il complesso è così descritto: "A terreno: stanza per le macine a 1 palmento; a terreno stalla e 2 stalletti ad uso colonico. A terreno stanza per le macine ad un palmento e altra stanza, loggia e forno. Capannetto ad uso colonico".

Nel 1834 Filippo Fabbri acquista dal Comune di Bagno il mulino dei Prati. Nel 1902 ne è proprietario Giovanni Giannelli; nel 1943 Giulio Milanesi fu Maurizio. Viene abbandonato nel 1968 dal proprietario Maurizio Milanesi.
Il nucleo, di proprietà della Regione Emilia-Romagna, è in concessione al Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna che ne ha restaurato gli stabili, sistemato le macine, fatto sorgere un centro di educazione ambientale ed una struttura adibita all'ospitalità (Casa del Mugnaio, 15 posti letto).
La struttura è stata gestita dalla Associazione Esploramontagne che ha promosso principalmente le attività di escursionismo, turismo naturalistico, educazione ambientale.

Indirizzo
Strabatenza - Via Srabatenza, 20 - 47021 Bagno di Romagna (FC)
Contatti
Telefono: 0039 0575 50301 - Fax: 0039 0575 504497
info@parcoforestecasentinesi.it - https://www.parcoforestecasentinesi.it/it/contatti
Come arrivare

IN AUTO: Da Bagno di Romagna si segue la SP. 138 in direnzione Cesena; attraversato il paese di San Piero in Bagno, ad un bivio si segue sulla sinistra la SP. 26 che conduce in Val Bidente e la si percorre fino al 14° km, ove poco prima di S. Sofia, all'indicazione, si prende sulla sinistra una tortuosa strada comunale che in 6 km conduce alla frazione di Poggio alla Lastra  (km 24).  Da qui, proseguendo, poco dopo si segue per 4 km la pista sterrata di sinistra che con leggeri saliscendi costeggia sempre il Bidente. Dopo aver oltrepassato l'area attrezzata di Ponte del Faggio, si prosegue per circa 500 mt: la deviazione per il Mulino delle Cortine è 50 mt. prima di una sbarra sulla destra. (Totale: 28 km da Bagno di Romagna).

Orari e tariffe
  • Apertura
    Momentaneamente chiusa
dom, 28 giu 2020 14:20:52 +0000